Strict Standards: Declaration of ezSQL_mysql::query() should be compatible with ezSQLcore::query() in /home/ebookita/public_html/ezsql/mysql/ez_sql_mysql.php on line 263

Strict Standards: Declaration of ezSQL_mysql::escape() should be compatible with ezSQLcore::escape() in /home/ebookita/public_html/ezsql/mysql/ez_sql_mysql.php on line 263
I Rusteghi

I Rusteghi

Carlo Goldoni

Teatro, Satira

 

Torna alla scheda dell'ebook.

 


Estratto dall'ebook:

 

SCENA I

 

Camera in casa di Lunardo.
MARGARITA che fila. LUCIETTA che fa le calze. Ambe a sedere

 

LUCIETTA:

     Siora madre.

MARGARITA:

     Fia [1] mia.

LUCIETTA:

     Deboto [2] xè fenìo [3] carneval.

MARGARITA:

     Cossa diseu, che bei spassi, che avemo abuo [4]?

LUCIETTA:

     De diana! gnanca una strazza de commedia no avemo visto.

MARGARITA:

      Ve feu maraveggia per questo? Mi gnente affato. Xè deboto sedese mesi, che son maridada, m’àlo mai menà in nissun liogo vostro sior padre?

LUCIETTA:

     E sì, sàla? no vedeva l’ora, che el se tornasse a maridar. Co giera [5] sola, in casa, diseva tra de mi: lo compatisso sior padre; élo no me vol menar, nol gh’ha nissun da mandarme; se el se marida, anderò co siora maregna. El s’ha tornà a maridar, ma per quel, che vedo, no ghe xè gnente né per mi, né per éla.

MARGARITA:

     El xè un orso, fia mia; nol se diverte élo, e nol vol che se divertimo gnanca nu. E sì, savè? co giera da maridar, dei spassi no me ne mancava. Son stada arlevada ben. Mia mare [6] giera una donna sutila, e se qualcossa no ghe piaseva la saveva criar, e la saveva menar le man. Ma ai so tempi la ne dava i nostri divertimenti. Figurarse, l’autuno se andava do o tre volte al teatro; el carneval cinque o sie.[7] Se qualchedun ghe dava una chiave de palco la ne menava all’opera, se no, alla comedia, e la comprava la so bona chiave, e la spendeva i so boni bezzeti. La procurava de andar dove la saveva, che se fava[8] delle comedie bone, da poderghe menar de le fie, e la vegniva con nu, e se divertivimo. Andévimo, figurarse, qualche volta a Reduto; un pochetin sul Liston,[9] un pochetin in Piazzeta da le stròleghe, dai buratini, e un pèr de volte ai casoti. Co stevimo po in casa, gh’avevimo sempre la nostra conversazion. Vegniva i parenti, vegniva i amici, anca qualche zovene; ma no ghe giera pericolo, figurarse.

LUCIETTA:

     (“Figurarse, figurarse”; la l’ha dito fin adesso sie volte).

MARGARITA:

     No digo; che no son de quele, che ghe piasa tutto el zorno andar a torziando[10]. Ma, sior sì. Qualche volta me piaserave anca a mi.

LUCIETTA:

     E mi, poverazza, che no vago mai fora della porta? E nol vol mo gnanca[11] che vaga un fià[12] al balcon? L’altro zorno me son butada cusì, un pocheto in scampar; m’ha visto quella petazza[13] della lasagnera[14], la ghe l’ha dito, e ho credesto, che el me bastona.

MARGARITA:

     E a mi quante no me n’àlo dito per causa vostra?

LUCIETTA:

     De diana! cossa ghe fazzio?

MARGARITA:

     Vu almanco, fia mia, ve mariderè; ma mi gh’ho da star fin, che vivo.

LUCIETTA:

     La diga, siora madre, me marideròggio?

MARGARITA:

     Mi crederave de sì.

LUCIETTA:

     La diga, siora madre, e quando me marideròggio?

MARGARITA:

     Ve mariderè, figurarse, quando, che el Cielo vorà.

LUCIETTA:

     El Cielo me marideràlo, senza che mi lo sappia?

MARGARITA:

     Che spropositi! l’avè da saver anca vu.

LUCIETTA:

     Nissun gnancora m’ha dito gnente.

MARGARITA:

     Se no i ve l’ha dito, i ve lo dirà.

LUCIETTA:

     Ghe xè gnente in cantier?[15]

MARGARITA:

     Ghe xè, e no ghe xè; mio mario no vol che ve diga gnente.

LUCIETTA:

     Cara éla, la diga.

MARGARITA:

     No dasseno, fia mia.

LUCIETTA:

     Cara éla, qualcossa.

MARGARITA:

     Se ve digo gnente, el me salta ai occhi co fa[16] un basilisco.

LUCIETTA:

     Noi lo saverà miga sior padre, se la me lo dise.

MARGARITA:

     Oh figurarse, se no lo dirè!

LUCIETTA:

     No dasseno, figurarse, che no lo digo.

MARGARITA:

     Cossa gh’intra sto “figurarse”?

LUCIETTA:

     No so gnanca mi, gh’ho sto uso, el digo, che no me n’incorzo.

MARGARITA:

     (Gh’ho in testa, che la me burla mi sta frascona).

LUCIETTA:

     La diga, siora madre.

MARGARITA:

     Animo laorè,[17] l’aveu gnancora fenìa quella calza!

LUCIETTA:

     Deboto.

MARGARITA:

     Se el vien a casa élo[18], e che la calza no sia fenìa, el dirà che sè stada su per i balconi, e mi no vòi figurarse... (sia maledeto sto vizio!)

LUCIETTA:

     La varda co spessego[19]. La me diga qualcossa de sto novizzo.[20]

MARGARITA:

     De qual novizzo?

LUCIETTA:

     No dìxela, che me mariderò?

MARGARITA:

     Pol esser.

LUCIETTA:

     Cara éla, se la sa qualcossa.

MARGARITA:

     No so gnente. (con un poco di collera)

LUCIETTA:

     Gnanca mo gnente, mo, gnanca mo.[21]

MARGARITA:

     Son stuffa.

LUCIETTA:

     Sia malignazo[22].(con rabbia)

MARGARITA:

     Coss’è sti sesti?[23]

LUCIETTA:

     No gh’ho nissun a sto mondo, che me voggia ben.

MARGARITA:

     Ve ne voggio anca troppo, frascona.

LUCIETTA:

     Ben da maregna[24]. (a mezza voce)

MARGARITA:

     Cossa aveu dito?

LUCIETTA:

     Gnente.

MARGARITA:

     Sentì, savè, no me stè a seccar, che deboto, deboto... (con isdegno) Davantazo[25] ghe ne soporto assae in sta casa. Gh’ho un mario che me rosega[26] tutto el zorno, no ghe mancarave altro, figurarse, che m’avesse da inrabiar anca per la fiastra.[27]

LUCIETTA:

     Mo cara siora madre la va in colera molto presto!

MARGARITA:

     (La gh’ha squasi rason. No giera cusì una volta, son deventada una bestia. No gh’è remedio; chi sta col lovo[28] impara a urlar).


Note

 

[1] Figlia.

[2] Or’ora.

[3] È finito; servendo per sempre, che il in veneziano vuol dire “è”. “est”.

[4] Avuto.

[5] Quando io era.

[6] Madre.

[7] Sei.

[8] Si faceva.

[9] Situazione stabilita dall’uso nella gran Piazza di San Marco, ove si fa il passeggio delle maschere.

[10] Andar gironi.

[11] Nemmeno.

[12] Un poco.

[13] Sguaiata.

[14] Che vende le paste.

[15] C’è niente per aria?

[16] Come

[17] Via lavorate.

[18] Egli, cioè s’intende il padrone di casa.

[19] Come io mi sollecito.

[20] Sposo.

[21] Quel mo repplicato è un certo modo caricato di lamentarsi, conveniente all’età di Lucietta.

[22] Lo stesso che maledetto, ma con più modestia.

[23] Che malegrazie son queste?

[24] Matrigna

[25] Di vantaggio.

[26] Mi rode, mi tormenta

[27] Figliastra

[28] Lupo

 

Questo è un estratto dall'ebook "I Rusteghi".
Puoi acquistare l'ebook da una delle librerie online elencate qui sotto.

 

"I Rusteghi" è in vendita nelle librerie online:

Amazon / Kindle
Apple iBookstore / iPad
Barnes&Noble / Nook
Cubolibri
eBookizzati
Google Play
KoboBooks
La Feltrinelli
Libreria Universitaria
Mondadori / Kobo
SanpaoloStore
UltimaBooks
Webster


Torna alla scheda dell'ebook.

 

Prezzo: € 0,99


 

Questo ebook "I Rusteghi" sui tablet: