Strict Standards: Declaration of ezSQL_mysql::query() should be compatible with ezSQLcore::query() in /home/ebookita/public_html/ezsql/mysql/ez_sql_mysql.php on line 263

Strict Standards: Declaration of ezSQL_mysql::escape() should be compatible with ezSQLcore::escape() in /home/ebookita/public_html/ezsql/mysql/ez_sql_mysql.php on line 263
I decaduti, I coniugi Orlof - Gli ex-uomini, di Maksim Gorkij

I decaduti

I coniugi Orlof - Gli ex-uomini

Maksim Gorkij

Umorismo, Sociale, Racconti

 

Torna alla scheda dell'ebook.

 


Estratto dall'ebook:

 

I coniugi Orlof

 

Quasi ogni sabato, prima dei vespri, si udivano uscire, dal sottosuolo di una vecchia e sporca casa appartenente al mercante Petunnikof, le grida furiose di una donna, le quali si spandevano nello stretto cortile ingombro di ogni specie di tritume, e dove erano costruite le dispense e le tettoie in legno, ma il tutto così vecchio da reggersi appena in piedi.

– Fermati! fermati! ubbriacone! gridava una donna con voce da contralto.

– Lasciami! rispondeva una voce maschile da tenore.

– No, non ti lascerò... non ti lascerò... assassino!

– Sì, che mi lascerai!

– Uccidimi... ma non lascerò.

– Menti... eretica che sei!

– Ah! padri miei!... mi ha uccisa,... Ah, padri miei!

– Lascerai!

– Ammazzami, belva che sei, ammazzami!

– Ci vorrà tempo!

Fin dalle prime parole di un dialogo presso a poco analogo, Sienka Fringuello, il garzone del pittore di stanze Sutkof, che passava giornate intere a stemperare colori sotto una delle tettoie del cortile ne usciva lesto come un dardo, e, coi suoi occhietti neri e scintillanti come quelli di un topo, gridava a squarciagola:

– I calzolai Orlof si stanno battendo!... Oh! Oh! Oh!..

Amatore appassionato di qualunque incidente, il Fringuello correva verso le finestre degli Orlof, si coricava sulla pancia, lasciava penzolare la sua testa arruffata di pessimo soggetto, dal magro muso astuto, tutto sporco di colori, e guardava giù cogli occhi spalancati, avidi, nel buco nero ed umido d’onde usciva un odore di roba marcita, di vecchio cuoio e di colla di pesce. Lì, in fondo, si agitavano furiosamente due forme umane, che emettevano grida rauche, gemiti ed invettive.

– Mi ucciderai!... diceva la donna tutta ansante.

– È cosa da nulla! rispondeva l’uomo, sicuro del fatto suo, con collera concentrata.

Si udivano colpi pesanti e sordi cadere sopra qualche cosa di molle, dei sospiri, delle grida acute, l’ansare di un uomo che solleva un forte peso.

– Oh! oh! oh!.... Che bel colpo le ha assestato con la forma!

Il Fringuello descriveva il succedersi degli avvenimenti nel sottosuolo, ed il pubblico aggruppato intorno a lui – i sarti, l’usciere Levcènko, il suonatore di fisarmonica Kisliakòf, ed altri amatori dì divertimenti gratuiti, interrogavano continuamente Sienka, e, nella loro impazienza di notizie, lo tiravano ora per i piedi, ora per i calzoni unti e bisunti di colori oleosi.

– Ebbene?... Ora, che fa?

– È a cavallo su di lei e le strofina il muso a terra!... raccontava Sienka, che pareva godere con voluttà le impressioni che mano mano gli venivano.

Il pubblico si chinava anch’esso verso le finestre degli Orlof, preso dal desiderio cocente di vedere da sé le peripezie della lotta; e benchè tutti i vicini conoscessero da tempo la tattica di Griscka Orlof quando era in guerra con la moglie, pure l’ammiravano e ne stupivano sempre.

– Ah! il diavolo!... l’ha conciata per le feste!

– Ha il naso tutto insanguinato! e come scorre!.... diceva Sienka.

– Ah! Dio mio!... Dio buono!... esclamavano le donne. Che assassino!... Che carnefice!

Gli uomini, invece discutevano in modo meno soggettivo.

– Finirà certamente per accopparla! dicevano.

Ed il suonatore di fisarmonica aggiungeva con fare da profeta;

– Ricordatevi di quello che vi dico: le aprirà la pancia con una coltellata. Vedrete: un giorno si stancherà di percuoterla a quel modo e la finirà con un buon colpo coronato!

– È finita! diceva Sienka a mezzavoce; e, rialzandosi di scatto, rimbalzava come una palla dalla finestra ad un altro angolo del cortile, dove andava a prendere un altro posto di osservazione, giacchè sapeva che Griscka Orlof non poteva tardare ad uscire.

Gli altri si sperdevano al più presto, non volendo essere visti dal feroce calzolaio: ora che la battaglia era terminata, egli non aveva alcun interesse ai loro occhi, e, d’altronde, Griscka era un essere da evitarsi. Perciò quando Orlof saliva dal suo sottosuolo, nel cortile non c’era più anima viva (eccetto Sienka.) Ansante, colla camicia lacera, i capelli scarmigliati, il volto graffiato e madido di sudore, gli occhi iniettati di sangue, gettava di soppiatto uno sguardo circolare intorno al cortile; poi, colle mani dietro la schiena, si avviava lentamente verso una vecchia slitta che giaceva, rovesciata, vicino alla parete di legno della tettoia. Talvolta si metteva a fischiare fra i denti con aria spavalda ed intanto si guardava attorno, da tutti i lati, quasi volesse provocare tutti gl’inquilini della casa Petunnikof. Dopo di che, si sedeva sui pattini della slitta, si asciugava colla manica della camicia il sangue ed il sudore che gli scorreva dal volto, ed immobilizzandosi in un’atteggiamento stanco, guardava con occhio triste il muro sporco della casa, tutto scalcinato e striato da strisce di varii colori: i pittori di Sutkof, tornando dal lavoro, erano soliti pulire i loro pennelli su quella parte del muro.

Orlof aveva circa trent’anni; aveva un volto nervoso, bronzino, tratti regolari, piccoli baffi neri che facevano spiccare vivamente le sue labbra rosse e carnose. Il suo gran naso aquilino era sormontato dalle sopracciglia così folte che quasi si univano; e sotto di esse si aprivano gli occhi neri, perennemente accesi da una fiamma inquieta. Capelli ricci, arruffati sul davanti, ricadevano dietro sopra un collo bruno e nervoso. Di media statura, un po' curvo dal lavoro, avrebbe potuto essere un bell’uomo. Rimaneva a lungo sulla slitta e contemplava, in una specie di sonnolenza, il muro dipinto, mentre il suo petto robusto ed abbronzato dal sole, respirava profondamente.

Il sole è tramontato; ma non c’è un soffio d’aria nel cortile; vi si sente solo un puzzo di pittura ad olio, di catrame, di cavoli fermentati e di roba marcita. Canti ed urli escono da tutte le finestre dei due piani della casa: qualche rara volta, una faccia anemica, china dietro una imposta, guarda un momento Orlof, poi scompare con un sorriso.

I pittori tornano dal lavoro; passano davanti al calzolaio, lo guardano di sbieco, ammiccando coll’occhio fra di loro, e dopo aver riempito il cortile del loro lesto dialetto di Kostroma, si preparano chi ad andare al bagno, chi alla cantina. Dal secondo piano, scendono zoppicando i sarti – tutta gente lacera, anemica, dalle gambe storte – ed incominciano a burlarsi di quelli di Kostroma, a causa del loro parlare rapido, a scatti.

Tutto il cortile è pieno di rumori, di risa, di scherzi, di motti di spirito: solo Orlof rimane seduto al suo posto, in disparte, tacito, e senza guardare alcuno. Nessuno gli si avvicina, nessuno gli dà retta, nessuno si arrischia a scherzare sul conto suo, perché tutti sanno che, in quel momento, è una bestia feroce.

Rimane lì, in preda ad una sorda e pesante collera, che gli opprime il petto e gli rende difficile il respiro; ogni tanto, gli fremono le narici e gli dànno l’espressione di un uccello da preda; e quando le sue labbra si contraggono, scoprono due file di denti gialli, grossi e solidi. Qualche cosa d’informe e di oscuro sembra spandersi su di lui, – macchie rosse, indecise gli ballano davanti agli occhi, mentre sente le viscere rose dall’angoscia e da una sete sfrenata di acquavite. Sa che quando avrà bevuto, si sentirà alquanto meglio, ma il giorno è ancora chiaro ed ha vergogna di andare in cantina, malconcio e lacero com’è, per la via dove tutti lo conoscono... Non vuole uscire per servire di ludibrio a tutti gli sfaccendati del quartiere, ma non può neanche rientrare in casa per lavarsi e vestirsi.. Sua moglie è là, stesa a terra, tutta ammaccata, ed ora gli fa disgusto in tutti modi. Geme e piange, – ed egli sa che è una martire e che ha ragione di ribellarsi contro di lui... lo sa. Sa che essa ha assolutamente ragione e che egli ha torto, e questa circostanza non fa altro che accrescere il suo odio, perché a fianco a quella coscienza, gli bolle in cuore un altro sentimento curioso ed oscuro, che è più forte della sua coscienza. Tutto è torbido e doloroso in lui, ed egli si lascia accasciare sotto il grave peso delle sue sensazioni interne, che non può sbrogliare, – sapendo soltanto che c’è un sol rimedio, unico sollievo: una mezza bottiglia di acquavite!

Ecco venire Kisliakof, il suonatore di fisarmonica. Ha una giacca di velluto senza maniche, una camicia di seta rossa, larghe brache ficcate in eleganti stivaloni. Sotto il braccio tiene la fisarmonica ben chiusa in una fodera verde; i suoi piccoli baffi neri sono ben incerati e rialzati in punte aguzze; il suo berretto sta posato spavaldamente sull’orecchio; tutta la sua persona spira l’allegria e l’audacia. Orlof gli voleva bene appunto per la sua arditezza, la sua allegria, il suo buon umore, e gl’invidiava la sua esistenza facile e spensierata.

«I miei complimenti per la vittoria Di cui la tua guancia porta la gloria!».

Orlof non se n’ha a male di questo scherzo, ripetuto già una cinquantina di volte, perché sa che il suonatore di fisarmonica non lo dice con malizia, ma semplicemente per ridere.

– Ebbene, fratellino, c’è stata un’altra battaglia di Plevna? domanda Kisliakof, fermandosi davanti al calzolaio. Ah! povero Griscia, avresti dovuto andare lì dove la nostra sorte ci conduce tutti quanti... a bere un paio di bicchierini insieme.

– Ci verrò quanto prima! dice Orlof, senza rialzare il capo.

– Ti ci aspetterò, perché soffro della tua assenza...

Poco tempo dopo. Orlof si decide ad alzarsi e se ne va anch’egli.

Allora, dal sottosuolo, appoggiandosi alle mura, esce una donna grassoccia; la sua testa è avvolta in un fazzoletto, e nell’apertura lasciata sul volto, non si vede che un occhio con un pezzo di guancia e di fronte. Attraversa il cortile con passo barcollante, e va a sedersi allo stesso posto dove poco tempo prima, era seduto suo marito. La sua apparizione non sorprende alcuno, – tutti vi sono abituati e tutti sanno che rimarrà a quel posto fino al momento in cui Griscka, ubbriaco e propenso alla contrizione, tornerà dalla cantina. Va a sedersi in cortile perché l’aria manca nel suo sotterraneo ed anche per aiutare Griscia a scendere la scala di legno, marcita ed a metà rotta, e poco sicura; già una volta Griscia vi è rotolato, slogandosi un braccio, ciò che lo ha costretto a restare due settimane senza lavorare – ed allora, per mangiare, i coniugi Orlof hanno portato alla casa dei pegni quasi tutta la loro roba... Da quel tempo, Matrena l’aspetta sempre.

Qualche volta qualcuno viene a farle compagnia, – quasi sempre è Levcènko, un sottufficiale pensionato dai lunghi baffi, piccolo russiano ragionevole, dalla testa rasa, dal naso rosso. Le si siede a lato e le domandò, sbadigliando un poco:

– Vi siete di nuovo battuti?

– Cosa te ne importa? dice Matrena con tono iroso ed ostile.

– No, niente... Ho domandato, così... per domandare, spiega il piccole russiano, ed entrambi rimangono poi a lungo senza aprir bocca.

Matrena respira penosamente e si sente qualcosa fischiarle in petto.

– Perchè vi battete così ogni tanto? Cosa avete da dividere insieme? incomincia a ragionare il sottufficiale.

– È affare nostro... risponde laconicamente Matrena.

– È affar vostro, troppo giusto!... annuisce Levcènko, chiamando il capo come per dare un peso maggiore alla sua affermazione.

– Allora, perché vieni a seccarmi? osserva Matrena, con eguale giustezza.

Eh! che razze di donna! Non le si può neppure dire una parola! Quando ci penso, vedo che il Signore prima li fa e poi li appaia. Si dovrebbe bastonarvi di santa ragione tutti i giorni, una volta al mattino, una volta alla sera. Non sareste più cosí attaccabrighe!

E la pianta lì con collera, cosa che fa molto piacere... – le male lingue dicono da molto tempo che non è senza motivo che il piccolo russiano le sta girando attorno, ed essa è in collera con lui, com’è in collera con tutti quelli che ficcano il naso nelle sue faccende. Ed il sottufficiale se ne va in un altro angolo del cortile, camminando dritto come un soldato, forte e vigoroso malgrado i suoi cinquant’anni.

Ed ecco che il Fringuello, cascando non si sa di dove, viene a sedersi ai piedi di Levcènko.

– Eh, zietto, è tutt’altro che gentile, mamma Orlova! gli dice a mezza voce, ammiccando coll’occhio in direzione di Matrena... È un ramolaccio nero!

– Te ne darò io dei ramolacci bene applicati là dove sai!... minaccia il sottufficiale, sorridendo fra i baffi. Egli vuol bene quel diavoletto di Fringuello, e lo ascolta con interesse perché sa che il ragazzo conosce tutti i misteri degli abitanti della casa.

– Non c’è gran cosa da pescare da lei, continua il Fringuello senza badare alla minaccia del piccolo russiano. Massimo, il pittore, ha provato... ma che schiaffone che ha avuto, ah! ah!... L’ho udito io... Paf! sulla guancia...

Metà fanciullo, metà uomo, malgrado i suoi dodici anni appena suonati, svelto ed impressionabile, assorbe, come una spugna, tutto il fango dell’ambiente che lo circonda, ed ha già in fronte una piccola ruga sottile che prova che Sienka Fringuello ha già incominciato a pensare.

Fa già notte nel cortile. In su, lo splendore della luna ed il luccichìo delle stelle illuminano un pezzo di cielo azzurro. Circondato da alte mura, il cortile, quando si guarda in su, pare un pozzo, ed in un angolo di questo pozzo sta seduta una forma umana che si riposa dopo le busse ricevute, ed aspetta che suo marito torni ubbriaco...

(...)

 

Questo è un estratto dall'ebook "I decaduti".
Puoi acquistare l'ebook da una delle librerie online elencate qui sotto.

 

"I decaduti" è in vendita nelle librerie online:

Amazon / Kindle
Apple iBookstore / iPad
Barnes&Noble / Nook
Cubolibri
eBookizzati
Google Play
KoboBooks
La Feltrinelli
Libreria Universitaria
Mondadori / Kobo
SanpaoloStore
UltimaBooks
Webster


Torna alla scheda dell'ebook.

 

Prezzo: € 0,99


 

Questo ebook "I decaduti" sui tablet: